Il Castagno

Il Castagno appartiene alla famiglia delle Fagaceae. Comprende alberi affini alle querce e ai faggi. In Europa il genere è rappresentato dalla sola specie Castanea sativa Miller.
 
 Morfologia   Le specie di questo genere sono per lo più alberi di medie dimensioni o arbusti. La più grande è Castanea dentata che in passato raggiungeva anche 60 m.

La corteccia è liscia negli alberi giovani con lenticelle ben evidenti, col tempo però si fessura sviluppando lunghi cordoni longitudinali spesso spiraleggianti. [1]. I castagni mostrano ramificazione simpodiale per abscissione della gemma terminale e ciò determina una chioma di forma globosa. I giovani rami possono essere glabri o tomentosi, in genere di colore bruno. Le gemme laterali sono piccole, coperte da 2-3 perule. Le cicatrici fogliari sono semicircolari.

Foglie  
Le foglie sono semplici, decidue, grandi, allungate, con margine dentato, stipolate e brevemente picciolate.

Fiori  
Sono piante monoiche con fiori unisessuali maschili in amenti terminali e fiori femminili in glomeruli di norma alla base degli amenti maschili. Le infiorescenze possono essere composte da soli fiori maschili (amenti maschili) o da amenti maschili e glomeruli femminili alla base(amenti misti).

I fiori maschili sono riuniti in amenti formati da molti gruppi di fiori, hanno calice con 6 lobi, e da 6 a 20 stami.

I fiori femminili si trovano alla base degli amenti misti, in gruppi (glomeruli) di 1-3 fiori, sono racchiusi completamente in un involucro tipico delle fagaceae la cupola, che in questo genere è provvista di spine ramificate e brattee squamiformi. Ogni fiore femminile ha un perianzio 6-8 lobato, fuso con l'ovario che è 6-9 loculare. Gli stili sono da 6 a 9. L'impollinazione è anemofila, ma anche gli insetti pronubi possono svolgere un ruolo importante.

Frutto   
Cupole (ricci) di Castanea sativa aperte e fruttiIl frutto è singolo in Castanea pumila, Castanea alnifolia, Castanea ozarkensis e Castanea henryi, in gruppi di 2-3 nelle altre specie, è un achenio, edule, racchiuso completamente in una cupola 2-4 valvata, spinosa chiamata comunemente "riccio".

Tassonomia  
Il genere Castanea appartiene alla famiglia delle Fagaceae. Insieme ai generi Castanopsis,Chrysolepis e Lithocarpus costituisce la sottofamiglia delle Castanoideae, caratterizzata dall'ovario con più di 3 carpelli e dai fiori maschili in spighe o amenti eretti.

Il genere comprende le seguenti specie:

Castanea alnifolia (da molti autori ridotto in sinonimia con C. pumila)
Castanea crenata Siebold & Zucc. il castagno giapponese
Castanea dentata (Marsh.) Borkh. il castagno Americano
Castanea henryi di origine e diffusione cinese
Castanea mollissima Blume il castagno cinese
Castanea ozarkensis
Castanea pumila (L.) Mill. americano diffuso negli stati orientali
Castanea sativa Mill. il castagno europeo (chiamato "Spanish Chestnut" negli Stati Uniti) è l'unica specie autoctona del genere in Europa.
Castanea seguinii di origine e diffusione cinese
Distribuzione e habitat   Il genere è attualmente diffuso nel bacino centro-orientale del Mediterraneo, nell'Asia orientale e sul versante atlantico degli Stati uniti. Durante il Miocene aveva una diffusione ancora più ampia ma a causa delle glaciazioni del Quaternario si ridusse di molto, attualmente è in una fase di espansione. La più diffusa e importante specie americana Castanea dentata è stata quasi completamente annientata durante i primi decenni del Novecento dal cancro corticale del castagno che ha quindi ridotto anche l'areale di diffusione del genere.

In Italia il genere è rappresentato dall'unica specie Castanea sativa Mill. diffusa in tutta la penisola nei boschi collinari da 200 a 800 m s.l.m.

Etimologia  
Con la parola Castanea in latino si indicava sia il frutto che l'albero ed è probabile che il nome del genere derivi direttamente da questa parola.[2] Alcuni comunque avanzano l'ipotesi che il nome derivi da quello della città greca di Kastania in Tessaglia, ma è più probabile che sia stata la città a prendere il nome dall'albero che viceversa.[3][4]

Castagno e Ippocastano  
Nonostante l'apparente relazione suggerita dal termine, il castagno non è in relazione prossima con l'ippocastano comune (Aesculus hippocastanum L.) e con l'intero genere degli ippocastani (Aesculus) che appartiene ad un altro ordine del regno vegetale, l'ordine delle Sapindales. Inoltre, dal punto di vista botanico, la castagna commestibile (derivata da specie del genere Castanea) è un frutto mentre la "castagna" d'India è un seme.

 

0
0
0
s2smodern
powered by social2s

Ricerca

Premium Sponsors

Invalsusa organizza